Trasformazione del diritto di superficie in proprietà – Eliminazione dei vincoli vigenti sugli immobili assegnati in proprietà

ATTIVITA’ SOSPESA CON ATTO N. 62 DEL 25 MARZO 2020. 

 

Con delibera n. 43 del 29 maggio 2013 avente ad oggetto: “Revoca della deliberazione di Consiglio Comunale n. 114 del 19 dicembre 2007 – Criteri per la trasformazione del diritto di superficie in proprietà e per l’eliminazione del vincolo del prezzo di cessione e/o locazione ed approvazione provvedimenti conseguenti” il Consiglio Comunale ha approvato la metodologia di calcolo del corrispettivo, i correttivi da applicare al valore risultante dalle perizie e le riduzioni concesse in funzione alla data di adesione alla proposta per tutti i lotti di edilizia convenzionata siti sul territorio comunale (per la quale non sia ancora stata proposta la trasformazione)
I criteri (art. 3) prevedono inoltre, ai sensi della Legge n.106/2011 di conversione del D.L. n.70/2011, come modificata dalla dall’art.16- undecies della Legge n.14/2012) anche la possibilita’ di rimozione dei vincoli di determinazione del prezzo di cessione per i soli Lotti per cui è determinato il corrispettivo di trasformazione del diritto di superficie nella misura dello:
1) contestualmente alla trasformazione del diritto di superficie in proprieta’:
– 0.7 % del corrispettivo come determinato dall’art.1 dei criteri, per ogni anno o frazione di anno mancante al ventesimo;
2) sola rimozione dei vincoli senza trasformazione del diritto di superficie in proprietà:
– 0.7 % del corrispettivo come determinato dall’art.1 dei criteri (prima degli abbattimenti), per ogni anno o frazione di anno mancante alla data di scadenza della concessione del diritto di superficie.

Per i lotti oggetto di passata proposta l’art. 5 prevede le seguenti specifiche:

Per gli immobili oggetto di precedenti proposte di trasformazione per i quali non vi sia stata adesione, di cui alla delibera n. 119 del 11.05.2011 sospesa con atto di Giunta n. 97 del 26.03.2013, alla luce delle novità normative, si procederà previa redazione di nuova perizia estimativa alla quale potranno essere applicati i seguenti correttivi:
1) zona di ubicazione dell’area in diritto di superficie da cedersi in proprietà”:
– 0% centro ( area “centro” compresa tra le vie Verdi, Mazzini, Alzaia Naviglio, L. da Vinci, Oberdan, Colombo, Manzoni, Videmari)
– 5% periferia (area esterna a quella definita “centro”)
2) tipologia del fabbricato in diritto di superficie da cedersi in proprietà:
– 0% Fabbricati costituiti dal piano terra + primo
– 1% Fabbricati costituiti dal piano terra + primo + secondo
– 2% Fabbricati costituiti dal piano terra + primo + secondo + terzo
– 4% Fabbricati con numero di piani oltre il terzo
3) anni di vetustà dell’edificio:
– 1.00% annuo per gli anni dal 1 al 20 di vecchiaia (decorrente dalla stipula della convenzione originaria).

La perizia approvata avra’ validita’ per 1 anno dalla data di approvazione della stessa, successivamente si provvederà all’aggiornamento della stessa mediante applicazione della rivalutazione monetaria secondo l’indice istat (FOI generale) e degli interessi legali dalla data di approvazione della perizia di stima fino alla data di comunicazione di accettazione della richiesta da parte del Settore Urbanistica e Catasto.

Quanto sopra fatta la possibilità di applicazione dell’art. 3 dei criteri.

Con delibera di Consiglio Comunale del 30/06/2014 numero 45, avente ad oggetto “Alloggi realizzati in aree P.E.E.P. cedute in proprietà o concessi in diritto di superficie. Casistiche. Vincoli e limiti alienabilità. Atto di indirizzo” l’Amministrazione Comunale ha deliberato in merito alla vigenza o meno dei vincoli sugli alloggi e sulle unita’ immobiliari con destinazione non residenziale (negozi, uffici e attrezzature commerciali) edificate ai sensi della Legge 865/71 e assegnati in proprieta’.

 

Eliminazione dei vincoli vigenti sugli immobili assegnati in proprietà

Con delibera di Consiglio Comunale del 10 febbraio 2015 numero 7, avente ad oggetto “Integrazione dei criteri per la trasformazione del diritto di superficie in proprieta’, per l’eliminazione del vincolo del prezzo di cessione e/o locazione e per l’eliminazione dei vincoli per le assegnazioni in proprieta’.” ,   l’Amministrazione Comunale ha deliberato i criteri relativi alla  eliminazione dei vincoli sulle unita’ immobiliari con destinazione non residenziale (negozi, uffici e attrezzature commerciali) edificate ai sensi della Legge 865/71 e assegnati in proprieta’ ed integrato i criteri relativi alla trasformazione del diritto di superficie.

 

Per le trasformazioni intervenute prima del Decreto Legge n.95 del 6 luglio 2012

Per le trasformazioni intervenute prima dell’applicazione del Decreto-Legge 6 Luglio 2012, N. 95, convertito nella L. 135 del 7 agosto 2012, l’art. 7 dei criteri prevede:

Chi ha trasformato il diritto di superficie con un periodo di vincoli fino al 30esimo anno dalla convenzione originaria diviene automaticamente libero da tutti i vincoli alla decorrenza del 20esimo anno dalla data della convenzione originaria, in applicazione alla modifica introdotta con Decreto-Legge 6 Luglio 2012, N. 95, convertito nella L. 135 del 7 agosto 2012.