Trasformazione del diritto di superficie in proprietà

Presentazione delle richieste di trasformazione del diritto di superficie in proprieta’ .

Al fine di agevolare la presentazione delle istanze, l’Ufficio urbanistica ha predisposto il modulo scaricabile nella sezione documenti della presente pagina.

E’ indispensabile fornire gli atti di provenienza degli immobili da trasformare (rogito, successioni, etc) ed almeno il documento di identita’ di un firmatario avente titolo.

L’ufficio Urbanistica provvedera’ al riscontro entro 30 gg dalla richiesta.

La proposta trasmessa, non vincolante per il richiedente, sara’ valida per il successivo periodo di 30gg.

Il pagamento potra’ avvenire in unica soluzione o dilazionato, sino ad un massimo di n. 6 rate semestrali di pari importo, a fronte del versamento della prima rata e della presentazione di idonea fideiussione bancaria o assicurativa per le restanti, previo riconoscimento degli interessi legali maturati per il periodo di dilazione.

Il testo della fidejussione dovra’ essere concordato con l’ufficio prima che la stessa venga emessa.

L’ufficio Urbanistica, una volta ricevuta dall’Ufficio Ragioneria del Comune conferma di versamento del corrispettivo, dopo la verifica dello schema di atto predisposto dal Notaio scelto ed incaricato dal richiedente, fisserà con il richiedente e con il notaio prescelto la data utile per la stipula dell’atto di modifica della convenzione esistente.

 

Qualora si volesse solo conoscere indicativamente il valore, sono disponibili gli atti di approvazione delle perizie di tutti gli interventi.

Il valore da utilizzare è quello precedente a tutti gli incentivi indicati, in quanto non piu’ applicabili, proporzionato al numero di millesimi ricavabili dal rogito e aggiornato con rivalutazione monetaria ed interesse legale dalla data di approvazione della perizia di stima, come previsto dai criteri vigenti.

 

Con determinazione dirigenziale  n. 1598 del 24 dicembre 2020  avente ad oggetto: ” EDILIZIA RESIDENZIALE CONVENZIONATA – DETERMINAZIONI CONSEGUENTI L’EMANAZIONE DEL DECRETO DI CUI ALL’ARTICOLO 25-UNDECIES DELLA L.136/2018″ è stato stabilito quanto segue:

[… ]
2) di riprendere l’accettazione delle richieste di trasformazione del diritto di superficie in proprieta’ e la correlativa eliminazione del vincolo convenzionale, senza l’applicazione degli abbattimenti indicati nell’art. 2 dei criteri per la trasformazione del diritto di superficie in proprieta’ approvati con deliberazione di Consiglio Comunale n. 7 del 10 febbraio 2015, dietro versamento nelle casse comunali di un importo calcolato secondo i criteri determinati all’art. 1 dell’ alleg. A) della delibera C.C. n. 7/2015 ed aggiornato mediante applicazione della rivalutazione monetaria secondo l’indice Istat (FOI generale) e degli interessi legali dalla data di approvazione della perizia di stima fino alla data di comunicazione di accettazione della richiesta da parte dell’ufficio preposto;

Con atto n. 31 del 24 giugno 2020 avente ad oggetto: “ EDILIZIA RESIDENZIALE CONVENZIONATA – ATTO DI INDIRIZZO A SEGUITO DELL’ENTRATA IN VIGORE DELL’ARTICOLO 25-UNDECIES DELLA L.136/2018 – DELIBERAZIONE IMMEDIATAMENTE ESEGUIBILE” il Consiglio Comunale ha deliberato quanto segue:

[…] 2. di dare indirizzo al Dirigente del Settore Infrastrutture e Urbanistica-Edilizia Privata, di sospendere l’accettazione di tutte le richieste di trasformazione da diritto di superficie in proprieta’ e di modifica delle convenzioni di assegnazione in proprieta’ o la concessione in diritto di superficie di alloggi contenuti nelle convenzioni ex art. 35 L.865/1971, precedentemente intervenute in applicazione alla D.C.C. n. 45/2014 e n. 7/2015 e n. 45/2014, oggi non piu’ applicabile, fino alla definitiva approvazione del decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze, previsto dall’art. 49 bis dell’art. 31  L.448/1998, come modificato dalla L. 136/2018;

[…]

4. di sospendere l’applicazione degli abbattimenti indicati nell’art. 2 dei criteri per la trasformazione del diritto di superficie in proprieta’ approvati con deliberazione di Consiglio Comunale n. 7 del 10 febbraio 2015;

5. ai titolari del diritto di superficie che non ritengano di aspettare l’emanazione del citato decreto ministeriale, è data facoltà di richiedere la trasformazione in proprietà e la correlativa eliminazione del vincolo convenzionale dietro versamento nelle casse comunali di un importo calcolato secondo i criteri determinati all’art. 1 dell’ alleg. A) della delibera C.C. n. 7/2015 ed aggiornato mediante applicazione della rivalutazione monetaria secondo l’indice istat (FOI generale) e degli interessi legali dalla data di approvazione della perizia di stima fino alla data di comunicazione di accettazione della richiesta da parte dell’ufficio preposto, a condizione che l’istanza contenga un’espressa, libera e volontaria dichiarazione di rinuncia al rimborso delle somme versate, se eccedenti quelle dovute secondo l’emanando decreto ministeriale nonché  l’assunzione dell’obbligo di accettare gli ulteriori doverosi maggiori conteggi se previsti dal decreto emanando, con l’impegno di provvedere, entro 60 giorni dalla richiesta, al correlativo versamento nelle casse  comunali;

 

Precedentemente la Giunta Comunale aveva emanato atto di indirizzo con la deliberazione n.   62 del 25 marzo 2020 .

 

In caso di necessita’ di maggiori informazioni, scrivere a roberta.emisfero@comune.cernuscosulnaviglio.mi.it o chiamare 02/9278276.

 

.

 

Per le trasformazioni intervenute prima del Decreto Legge n.95 del 6 luglio 2012

Per le trasformazioni intervenute prima dell’applicazione del Decreto-Legge 6 Luglio 2012, N. 95, convertito nella L. 135 del 7 agosto 2012, l’art. 7 dei criteri prevede:

“Chi ha trasformato il diritto di superficie con un periodo di vincoli fino al 30esimo anno dalla convenzione originaria diviene automaticamente libero da tutti i vincoli alla decorrenza del 20esimo anno dalla data della convenzione originaria, in applicazione alla modifica introdotta con Decreto-Legge 6 Luglio 2012, N. 95, convertito nella L. 135 del 7 agosto 2012.”