TARI – Esercizio del potere di autotutela

Riferimenti del procedimento

Responsabile del procedimento
Responsabile P.O. Servizio Gestione Entrate Tributarie e Catasto – Anna Maria Miele
E-mail: annamaria.miele@comune.cernuscosulnaviglio.mi.it – Telefono: 02/92.78.248

Soggetto competente per adozione atto finale
Dirigente Settore Economico Finanziario – dott.ssa Amelia Negroni
E-mail: amelia.negroni@comune.cernuscosulnaviglio.mi.it – Telefono: 02/92.78.225

Soggetto a cui è attribuito, in caso di inerzia, il potere sostitutivo
Segretario Generale – dott.ssa Mariagiovanna Guglielmini

 

Descrizione del procedimento

Cos’è:
E’ il procedimento attraverso il quale l’Amministrazione annulla totalmente o in parte, ovvero rettifica atti da essa emanati, riconosciuti illegittimi.

A chi è destinato:
Ai contribuenti destinatari di avvisi di accertamento TARI.

Come si richiede:
Istanza scritta (in carta semplice) su apposito modulo predisposto dall’Ufficio Tributi, da presentare preferibilmente entro 60 gg. dalla notificazione dell’avviso del quale si chiede la revisione. La presentazione dell’istanza, debitamente motivata, deve essere la più tempestiva possibile, poiché non sospende il termine previsto per l’impugnazione del provvedimento avanti la Commissione Tributaria Provinciale (60 giorni), né comporta la dilazione dei termini di pagamento.

Spese a carico dell’utente:
Nessuna

Riferimenti legislativi:
–  D.P.R. n. 287/1992, art. 68
–  D.M. 37/97

Unità Organizzativa Responsabile:
Settore Economico Finanziario
Servizio Gestione Entrate Tributarie e Catasto

A chi chiedere informazioni:
Ufficio Tributi/TARI
Tel: 02/9278.284-403
e-mail: tari.cernuscosn@cemambiente.it

Orari di ricevimento:
Lunedì             dalle 8.30 alle 12.30 e dalle 15.00 alle 18.30
Mercoledì        dalle 8.30 alle 12.30
Venerdì           dalle 8.30 alle 12.30

Tempi:
L’autotutela è attività discrezionale. L’ufficio provvede nel minor tempo possibile.

Strumenti di tutela dell’interessato:
Avverso l’adozione del provvedimento finale, il contribuente può presentare ricorso, entro il termine di 60 giorni dalla notificazione dell’atto, avanti la Commissione Tributaria Provinciale di Milano. Entro lo stesso termine è prevista la possibilità di presentare ricorso avanti la Commissione Tributaria Provinciale di Milano. Il ricorso proposto produce anche gli effetti di un reclamo e può contenere una proposta di mediazione con rideterminazione dell’ammontare della pretesa.