Contratti di affitto a canone concordato

Descrizione procedimento

Il contratto di affitto a canone concordato è una particolare forma di contratto di locazione (prevista dalla normativa in materia di affitti, la legge 431 del 1998) in cui gli importi massimi e minimi dei canoni sono stabiliti a livello locale attraverso la contrattazione tra sindacati degli inquilini e associazioni dei proprietari, sulla base delle caratteristiche dell’alloggio, della zona dove è situato.

Un proprietario di casa può quindi liberamente decidere se affittare il proprio immobile con un contratto libero, stabilendo le condizioni in accordo con l’inquillino, oppure con un contratto concordato, rispettando cioè le condizioni che sono state stipulate nell’accordo locale firmato dalle Organizzazioni sindacali degli inquilini e dei proprietari e dal Comune. Secondo l’accordo stipulato dalle parti il prezzo del canone concordato sarà quindi più basso di quelli di mercato.

I vantaggi

L’adozione di un contratto di affitto a canone concordato produce delle agevolazioni fiscali sia per l’inquilino che per il proprietario.

Per i proprietari esistono tre interessanti sconti fiscali:

  1. se il reddito percepito dal locatore viene riportato in dichiarazione dei redditi, il locatore gode di uno sconto sulla base imponibile pari al 30%, (oltre al 5%), che pertanto abbatte sensibilmente l’IRPEF da versare;
  2. per chi sceglie l’opzione della cedolare secca anziché l’irpef sul 730, l’aliquota unica è ridotta dal 21% al 10%;
  3. non sono previste le marche da bollo e la tassa di regsitro annuale;
  4. l’imposta di registrazione (che proprietario e inquilino devono di norma pagare metà per uno) è dell’1,4% annuo sul valore del canone, anziché del 2%

Per gli inquilini a basso reddito sono previste delle detrazioni fiscali sulla dichiarazione dei redditi. Inoltre il deposito cauzionale richiesto dal proprietario non può superare le due mensilità del canone di locazione.

Per maggiori informazioni

Per avere maggiori informazioni è possibile scaricare in basso nella pagina l’accordo firmato tra le parti, i modelli prestampati di contratti a canone concordato.

A breve sarà disponibile sul sito anche la cartina di Cernusco con l’indicazione delle zone di riferimento per il calcolo del canone.

Inoltre, per ulteriori dettagli e aiuto nel calcolo del canone, è possibile rivolgersi alle parti firmatarie dell’accordo, SUNIA, SICET, UPPI e CONFAPPI. Di seguito i contatti.

 

U.P.P.I. Milano
Via Leone Pancaldo 1/3
Tel. 02.2047734 – 02.76022974

E-mail: info@uppi-milano.it – Sito web: http://www.uppi-milano.it

 

SUNIA APU Zona Adda Martesana
Referente Vitaliano Serra
Sedi di consulenza casa, inquilini, condomini:
– CERNUSCO s/NAVIGLIO c/o CGIL Via Briantea 18 ( tutti i giovedì dalle 15 alle 17,30 )
– Gorgonzola ( con Ufficio Legale ) c/o CGIL Corso Italia 55 ( tutti i martedì dalle 16 alle 18 )
– Pioltello c/o CGIL Via Milano 28 ( il 2° e il 4° lunedi del mese dalle 16,30 alle 17,30 )
– Inzago c/o Biblioteca Civica Via Piola 11 ( il 2° e il 4° venerdì del mese dalle 10 alle 11,30 )

Tel. 02.5421271 Fax. 02.92118289
E-mail: serra.vitaliano@gmail.com – Sito web: http://www.sunia.milano.it

 

SICET

GORGONZOLA Via IV Novembre, 5 (c/o CISL), Tel: 02 – 20 52 55 06, E-mail: milano.gorgonzola@sicet.it, ORARI: Lunedì 17.00 – 19.00 e Giovedì 10.00 – 12.00

CERNUSCO S/N Via Don Sturzo,11 (c/o ALER-saletta scala E), ORARI: Giovedì 17.00 – 19.00

MELZO Via Martiri della Libertà, 5 (c/o ACLI), Tel: 02 – 95 50 592, ORARI: Martedì 17.00 – 19.00

 

CONFAPPI

Via Ruggero di Lauria, 9 – 20149 Milano (Italia) – Tel +39 02.3310.5242 – Fax +39 02.316641

E-mail: segreteria@confappi.it – Sito web: http://www.confappi.it

  • Documenti
Nome File Descrizione Dimensione
Planimetria-di-Cernusco-con-le-zone.pdf

10 MB
Modulo-di-contratto-a-canone-concordato.doc

49 KB
Modulo-di-contratto-a-canone-concordato-transitorio.doc

58 KB
Modulo-di-contratto-a-canone-concordato-per-studenti-universitari.doc

53 KB
Accordo-firmato-sul-canone-concordato.pdf

2 MB