Comunità di accoglienza educativa

Responsabile del procedimento e soggetto competente per adozione atto finale

Dirigente del Settore Servizi Sociali – Dott.ssa Maria Giustina Raciti

E-mail: giustina.raciti@comune.cernuscosulnaviglio.mi.it – Telefono: 02/92.78.291

 

Soggetto a cui è attribuito, in caso di inerzia, il potere sostitutivo

Segretario Generale – Dott.ssa Mariagiovanna Guglielmini

E-mail: mariagiovanna.guglielmini@comune.cernuscosulnaviglio.mi.it – Telefono: 02/92.78.230

Cos’e’

Le comunità mamma-bambino sono strutture di tipo residenziale che accolgono gestanti e/o madri con bambini in situazioni di difficoltà.

 

Cosa offre

La permanenza in Comunità intende offrire alla coppia madre-bambino un’accoglienza temporanea finalizzata al sostegno e al recupero delle capacità genitoriali. Si pone l’obiettivo di offrire nuovi strumenti volti all’autonomia del nucleo.

 

A chi si rivolge

Il servizio si rivolge a donne gestanti e/o madri con figli in situazioni psico-sociali ed abitative difficili. L’accesso può avvenire su richiesta del genitore stesso, su segnalazione di enti o servizi specialistici, o su istanza dell’Autorità Giudiziaria.

 

Cos’e’

 

Le comunità alloggio sono strutture residenziali tutelari destinate ad ospitare minori con provvedimento dell’Autorità Giudiziaria, i quali per problematiche diverse non hanno la possibilità di vivere presso il proprio nucleo familiare, né possono essere affidati a famiglie o a parenti.

 

Cosa offre

 

Nelle comunità alloggio si conduce un’esperienza di vita comunitaria vicina al modello familiare, in un ambiente affettivamente ricco e in grado di stabilire legami stabili e duraturi, idoneo a favorire lo sviluppo integrale della persona. L’obiettivo del progetto educativo, che le strutture si prefiggono di raggiungere, è quello di sostenere il processo evolutivo dei minori accolti, tenendo conto del loro benessere psico-fisico e delle loro attitudini individuali. La struttura delle comunità per minori risponde ad un bisogno di tipo sociale, strettamente connesso ad esigenze educative: accogliere dei minori in difficoltà che non hanno potuto trovare un contesto familiare adeguato in grado di tutelare la loro crescita sana ed equilibrata.

 

A chi si rivolge

I minori accolti nelle comunità, sono minori di ambo i sessi che presentano situazioni di disagio e difficoltà, che necessitano di un allontanamento temporaneo dalla famiglia d’origine. L’ingresso in comunità deve essere disposto con provvedimento dell’Autorità competente (Tribunali, Sindaco in caso di urgenza) ed è eseguito dagli assistenti sociali, che durante tutto il periodo del collocamento collaboreranno con la famiglia del minore per modificare le condizioni che hanno portato all’allontanamento dello stesso, al fine di poterlo riaccogliere in casa alla fine del percorso.

 

 

  • Documenti
Nome File Descrizione Dimensione
SETTORE SERVIZI SOCIALI: “REGOLAMENTO GENERALE DI ACCESSO AI SERVIZI E COMPARTECIPAZIONE ALLA SPESA DA PARTE DELL’UTENZA”

1 MB